L'IMPORTANZA di ESSERE – Codice Otto

Homo sum, humani nihil a me alienum puto. Un viaggio nell’essere umano, dal corpo alla mente, dalla fantasia alla realtà, attraverso considerazioni e riflessioni di vita vissuta, osservazioni di sè e del mondo circostante secondo il credo ”l’occhio vede ciò che la mente conosce”.


1 Commento

Io inventerò per Te la rosa


Georges2015d

Je suis venu vers toi comme va le fleuve à la mer

J’ai sacrifié d’un coup mon cours et mes montagnes

J’ai quitté tout pour toi mes amis mon enfance

Chaque goutte d’eau de ma vie a pris le sel de ton immensité

Ton soleil a dissipé mon folklore

Tu règnes sur mon sang mon rêves mes démences

Je t’ai donné ma mémoire comme une boucle de cheveux

Je ne dors plus que dans tes neiges

J’ai débordé mon lit chassé mes fées marraines

J’ai renoncé depuis longtemps à mes légendes

Où sont Rimbaud Cros et Ducasse

Valmore qui pleure à minuit

La corde Nerval a cassé

Et la balle qui traverse Lermontov a passé par mon cœur

Divisé par tes pas

Dispersé par ton geste

Comme un grand vent amoureux d’une forêt

Je suis la poussière qu’on chasse au matin de la maison

Et qui revient patiente invisiblement tout le long du jour

Le lierre qui croit sans qu’on le remarque

Jusqu’à ce qu’on le mutile dans sa fidélité

Je suis la pierre usée à force que tu passes

La chaise qui t’attend à l’endroit familier

La vitre où ton front brûle à regarder le vide

Le roman de deux sous qui ne parle qu’à toi

Une lettre ouverte publiée avant d’être lue

La phrase interrompue à qui revenir est sans importance

Le frémissement des chambres traversées

Le parfum derrière toi que tu laisses

Et quand tu sors je suis malheureux comme ton miroir

Toutes les paroles du monde quand à la fois je te les aurai données

Toutes les forêts d’Amérique et toutes les moissons nocturnes du ciel

Quand je t’aurai donné ce qui brille et ce que l’oeil ne peut pas voir

Tout le feu de la terre avec une coupe de larmes

La semence mâle des espèces diluviennes

Et la main d’un petit enfant

Quand je t’aurai donné le caléidoscope des douleurs

Le coeur en croix les membres roués

L’immense tapisserie des hommes martyrisés

Les écorchés vivants à l’étal suppliciaire

Le cimetière éventré des amours inconnues

Tout ce que charrient les eaux souterraines et les voies lactées

La grande étoile du plaisir dans l’infirme le plus misérable

Quand j’aurai peint pour toi ce vague paysage

Où les couples se font photographier dans les foires

Pleuré pour toi les vents chanté que mes cordes en cassent

La messe noire de l’Adoration perpétuelle

Maudit mon corps avec mon âme

Blasphémé l’avenir et banni le passé

Fait de tous les sanglots une boîte à musique

Que tu oublieras dans l’armoire

Quand il n’y aura plus de rossignols dans les arbres à force de les jeter à tes pieds

Quand il n’y aura plus assez de métaphores dans une tête folle pour t’en faire un presse-papiers

Quand tu seras lassée à mourir du culte monstrueux que je te voue

Que je n’aurai plus ni voix ni ventre ni visage et les pieds et les mains sans place pour les clous

Quand les verbes humains auront tous dans mes doigts brisé leur verre

Et que ma langue et mon encre seront sèches comme une station expérimentale pour les fusées interplanétaires

Et les mers n’auront plus laissé derrière elles que la blancheur aveuglante du sel

Si bien que le soleil ait soif et la lumière sur ce parquet de trémies oscille

Le schiste éteint le firmament amorphe et l’être à jamais épuisé de métamorphoses

J’inventerai pour toi la rose

J’inventerai pour toi la rose

Pour toi qui es la rose indescriptible

Au moins des mots qui sont de son processionnel coutumier

La rose que ne font voir que les mots étrangers à la rose

Ainsi qu’il en va du cri qui s’arrache et de la douleur qu’il traduit

Des étoiles du plaisir au-dessus de l’abîme d’amour

J’inventerai pour toi la rose des doigts adorants

Qui formaient nef et se croisèrent et se défeuillent

J’inventerai pour toi la rose sous le porche

Des amants qui n’ont d’autre lit que leurs bras

La rose au coeur des gisants de pierre morts sans confession

La rose du paysan qui saute sur une mine dans son champ

Le parfum cramoisi d’une lettre trouvée

Où rien ne s’adresse à moi ni la caresse ni l’affront

Le rendez-vous où personne n’est venu

Une armée en fuite un jour de grand vent

Le pas d’une mère devant une prison

Un chant d’homme à l’heure de la sieste sous les oliviers

Un combat de coqs dans un pays de brumes

La rose du soldat séparé de son pays

J’inventerai pour toi ma rose autant de roses

Qu’il y a de diamants dans l’eau de la mer

Autant de roses qu’il y a de siècles dans la poussière du temps

Autant qu’il y a de rêves dans une seule tête d’enfant

Autant qu’il peut y avoir de lumières dans un sanglot.

Louis Aragon


Lascia un commento

Parole di memoria


 

Chissà se navigando nella memoria ti ricordi di me……..

Credo che nessuno di noi vorrebbe parlare.

Vorremmo ascoltare il silenzio degli interrogativi che pesano sul nostro cuore, finchè poi ci si trova  a un bivio: o ci lasciamo trascinare dalla rabbia, dal pudore, dal timore,  dall’orgoglio, o forse – proprio a partire dalla fede – siamo invitati a imboccare l’altra strada, quella di un amore difficile, con molta fatica.

Ricordare persone, vicende e fatti, è un tuffo nella memoria e nella nostalgia del non vissuto.

Ci sono emozioni, episodi, che non scordi più, impressi nella memoria dell’anima, fotogrammi sbiaditi, cose che sono state divorate dal tempo, sbattute dal rancore, rosicate dalla vita, arse dal nonsenso, ma dentro di te vivono ancora. Capita che all’improvviso, mentre sei in mezzo agli altri, una parola, un gesto, una faccia ti spediscano là, nella casa dell’anima, ti ci perdi inebriato e stordito e da là non vorresti tornare.

Tutte le storie sono storie d’amore. Sono parole di memoria. La memoria come dice Buñuel, racchiude la nostra vita. Senza memoria la vita non è vita. La memoria è la nostra coerenza, la nostra ragione, il nostro sentimento, persino il nostro agire. Senza di essa siamo nulla.

La nostra storia è una ferita dell’anima da curare solo con la memoria e la cui cicatrice  mi auguro serva a mantenerti  bello, nel senso più vasto della parola, come quel figlio tanto amato che, solo in modo differente, continuerò ad amare.

Non sono stato un padre presente, mio malgrado, non ho potuto esserlo. Mi è stato impedito di dirti quanto ti voglio bene, quanto sei immenso nel mio cuore, quanto il ricordo di te e di ogni tuo piccolo dettaglio riempia ogni giorno la mia vita, quanto io sia orgoglioso e fiero che tu sia mio figlio, quanto avrei voluto prenderti per mano….

Ci sono sempre stato, ci sarò fino all’ultimo giorno della mia vita.

 

 

  • (giorgiomantello.me)
  • What if? (themeatballsdiaries.com)

 


Lascia un commento

L’importanza di essere….Monica Bellucci


 Avete letto le recenti dichiarazioni stampa di Monica Bellucci???:

“Sesso? Meglio con un uomo maturo” – “Meglio le rughe della faccia di plastica, la menopausa non mi  spaventa” – “Credo nell’amore, non nella fedeltà” – “Over 40, siate coraggiose, sensuali e camminate a testa alta”

Opinioni condivisibili se non fosse che, complice il caldo torrido di questi giorni, fanno lo strano effetto di giramento di p…e!

Un inchino all’aspetto esteriore della Signora Bellucci il cui merito va tutto ai geni parentali e alla disponibilità economica di poter curare al meglio il proprio corpo. Eh sì….perchè nascere congenitamente belli o brutti, sani o malati, deformi o perfetti, sono la roulette dei geni, poi si può correggere, migliorare, mantenere nel tempo, laddove si può, con ogni mezzo medico-chirurgico o estetico, quello che fa di noi un biglietto da visita……. Ma questo ha un costo! Senza voler fare i “conti della serva” parrucchiere, estetista, palestra, profumeria, massaggiatrice, ecc…. almeno una volta a settimana e tutte le settimane, vuol dire avere un pozzo di San Patrizio, un deposito bancario illimitato oppure aver fatto una rapina colossale! Quanti di noi possono distrarre dal proprio reddito mensile una cifra (a occhio e croce, minimo, circa 2-3 mila euro) da destinare alle cure complete del corpo? Quanti di noi, ormai, possono disporre di un reddito mensile? Lo sa la Signora Bellucci che gli italiani “comuni” più fortunati che hanno un lavoro guadagnano mediamente 1.200 euro al mese e ci mantengono una famiglia?

La Signora Bellucci ha ragione nell’asserire che sono meglio le rughe alla faccia di plastica….quando le rughe sono i segni del tempo vissuto bene. Ci sono, però, rughe di un tempo vissuto nel dolore e nella sofferenza, negli stenti e nella fatica di lavori usuranti, nello strazio di malattie invalidanti e deformanti, che lasciano anche ben prima del tempo canonico dei solchi profondi nei visi e nei corpi di chi invece vorrebbe, forse e non potendo permetterselo, una faccia di plastica. Quanto alla menopausa….spaventa sempre meno le donne e gli uomini che la sperimentano in proprio o per riflesso, grazie alle campagne d’informazione e ai sostegni psicologici e farmaceutici. Ma spaventa ancora molte donne che hanno la sventura di non essere più desiderate e considerate degne di attenzioni, di avere accanto uomini distratti dalle allodole modello-televisivo-similpornografico, uomini che le abbandonano come scarpe usate per il miraggio di una giovanetta. Spaventa ancora ogni donna che si specchia nell’indifferente sguardo del sesso opposto.

La Signora Bellucci ha ragione nell’asserire che il sesso è meglio con un uomo maturo, quando l’uomo maturo lo è intellettualmente, cerebralmente, emotivamente, sessualmente esperto e dotato di sapiente conoscenza di se stesso e della donna: ce ne sono? Quanti ce ne sono? La maggior parte delle donne “comuni” hanno accanto uomini maturi solo anagraficamente, con quel che ne consegue……

La Signora Bellucci crede nell’amore, non nella fedeltà….. Beata lei! La maggior parte delle donne “comuni” non crede ormai più nell’uno né nell’altra per tutte le batoste ricevute, semplicemente non crede più a nulla, ha smesso di sognare,  progettare e desiderare perché la realtà ha compiuto uno dei più atroci delitti contro i sentimenti.

La Signora Bellucci ha ragione nell’asserire che le over 40 devono essere coraggiose, sensuali e camminare  a testa alta. Ma la Signora Bellucci ha una idea di quante over 40 la testa non riescono a tenerla alta perché sono sfinite dalla catena di montaggio in fabbrica, dal lavoro nei campi, dalle fatiche quotidiane, dalle privazioni anche dell’essenziale, dalle botte di famiglie patologiche e violente, dalla miseria materiale e morale senza riscatto?

E infine: chi è la Signora Bellucci? Cosa fa nella vita, quali meriti altamente sociali, umanitari, professionali e intellettuali possiede per arrogarsi il diritto di esprimere a mezzo stampa opinioni e suggerimenti come fossero perle di saggezza?

Qualcuno le direbbe: “Signora Bellucci, prima vai a lavorare in fabbrica o in miniera, in una corsia d’ospedale o in emergenza territoriale, e poi forse puoi parlare!

Voi che ne pensate?

RED PASSION

Lascia un commento


 De li occhi suoi, come ch’ella li mova
escono spirti d’amore infiammati.
( Dante, Vita Nova)

Il rosso, colore del sangue e del fuoco legato al pianeta Marte e al segno astrologico dell’Ariete, simbolo dell’energia vitale per eccellenza per l’analogia col sangue che nel suo continuo flusso chiuso e centripeto, acquisisce una connotazione introvertita, attrattiva e femminile, tanto che in Giappone il colore rosso (aka) era indossato quasi esclusivamente dalle donne; il sangue è inoltre collegato all’amore passionale  

Con una palla vermiglia, di nuovo,
Eros chioma d’oro mi colpisce,
e mi invita a giocare
con una fanciulla dal sandalo variegato
( Anacreonte, 570 – 485 a.C. )

quando, però, l’istinto di potenza del rosso conduce all’impulsività e all’amore diabolico, il rosso acquisisce un significato demoniaco e satanico, tingendo di fuoco e fiamme i luoghi infernali di diverse mitologie.

Or ci movemmo con la scorta fida
Lungo la proda del bollor vermiglio,
dove i bolliti facieno alte strida.
( Dante, Inferno, Canto XII )

L’altra  valenza di questo colore, quella più propriamente centrifuga e maschile, definita da Vasilij Kandinsky “viva, accessa, inquieta”,  è associata proverbialmente alla forza vitale. In passato, le divise degli eserciti usavano il rosso per aumentare la potenza in battaglia (L. Luzzatto, R. Pompas), mentre per le popolazioni celtiche, poche bacche rosse del sorbo avevano le stesse proprietà nutritive di nove pasti, aggiungevano un anno di vita e risanavano dalle ferite. Nei tempi addietro, inoltre, si credeva che lo spargimento di sangue potenziasse il vigore degli uomini, e con una tintura scarlatta si adornavano i giovani Indiani d’America per risvegliare in loro i desideri carnali. Carico di siffatte valenze il rosso diviene espressione di sessualità ed erotismo, della componente più istintuale dell’amore e quando il “sangue caldo” e l’ardore (dal latino ardere, bruciare) dell’istinto si estremizza, il rosso si collega alla “grande prostituta” Babilonia oppure a Dioniso, con le sue feste caratterizzate da ebbrezza e sessualità sfrenata. Forza e vigore, dunque,  ma anche componenti violente e ostili della psiche che ne fanno un colore guerriero (M. Di Renzo, 1998), espressione di rabbia, aggressività e furia; per tale motivo il rosso è spesso associato alle divinità della guerra, come attestano Marte nella mitologia romana, Morrigan in quella celtica, Ogun nei territori africani, ma anche l’Arcangelo Michele, il Santo Guerriero, principe delle armate divine, cavaliere celeste, rappresentato nell’iconografia cristiana con un rosso mantello.  Infine, particolare menzione merita il rosso porpora, il quale, per la difficoltà e l’alto costo di produzione, è da sempre emblema di regalità e potenza. Dai greci, la porpora veniva utilizzata per creare pregiati capi d’abbigliamento ed esclusivi tendaggi mentre nella Roma antica, essa era prerogativa esclusiva dei generali trionfanti, degli imperatori e dei magistrati, tanto che il codice di Giustiniano condannava a morte chi acquistava o vendeva stoffe di questo colore.

(CLICCA SULLE IMMAGINI PER LA VISUALIZZAZIONE SLIDESHOW E DIMMI, SE VUOI, QUALE TI PIACE DI PIU’. E’ MOLTO GRADITA QUALSIASI SEGNALAZIONE CIRCA IL SIMBOLISMO E IL SIGNIFICATO DEL COLORE ROSSO. GRAZIE….)

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

This gallery contains 32 photos