L'IMPORTANZA di ESSERE – Codice Otto

Homo sum, humani nihil a me alienum puto. Un viaggio nell’essere umano, dal corpo alla mente, dalla fantasia alla realtà, attraverso considerazioni e riflessioni di vita vissuta, osservazioni di sè e del mondo circostante secondo il credo ”l’occhio vede ciò che la mente conosce”.

Parole di memoria

Lascia un commento

 

Chissà se navigando nella memoria ti ricordi di me……..

Credo che nessuno di noi vorrebbe parlare.

Vorremmo ascoltare il silenzio degli interrogativi che pesano sul nostro cuore, finchè poi ci si trova  a un bivio: o ci lasciamo trascinare dalla rabbia, dal pudore, dal timore,  dall’orgoglio, o forse – proprio a partire dalla fede – siamo invitati a imboccare l’altra strada, quella di un amore difficile, con molta fatica.

Ricordare persone, vicende e fatti, è un tuffo nella memoria e nella nostalgia del non vissuto.

Ci sono emozioni, episodi, che non scordi più, impressi nella memoria dell’anima, fotogrammi sbiaditi, cose che sono state divorate dal tempo, sbattute dal rancore, rosicate dalla vita, arse dal nonsenso, ma dentro di te vivono ancora. Capita che all’improvviso, mentre sei in mezzo agli altri, una parola, un gesto, una faccia ti spediscano là, nella casa dell’anima, ti ci perdi inebriato e stordito e da là non vorresti tornare.

Tutte le storie sono storie d’amore. Sono parole di memoria. La memoria come dice Buñuel, racchiude la nostra vita. Senza memoria la vita non è vita. La memoria è la nostra coerenza, la nostra ragione, il nostro sentimento, persino il nostro agire. Senza di essa siamo nulla.

La nostra storia è una ferita dell’anima da curare solo con la memoria e la cui cicatrice  mi auguro serva a mantenerti  bello, nel senso più vasto della parola, come quel figlio tanto amato che, solo in modo differente, continuerò ad amare.

Non sono stato un padre presente, mio malgrado, non ho potuto esserlo. Mi è stato impedito di dirti quanto ti voglio bene, quanto sei immenso nel mio cuore, quanto il ricordo di te e di ogni tuo piccolo dettaglio riempia ogni giorno la mia vita, quanto io sia orgoglioso e fiero che tu sia mio figlio, quanto avrei voluto prenderti per mano….

Ci sono sempre stato, ci sarò fino all’ultimo giorno della mia vita.

 

 

  • (giorgiomantello.me)
  • What if? (themeatballsdiaries.com)

 

Autore: CodiceOtto

Homo sum, humani nihil a me alienum puto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...